Sabato, 12 Marzo 2016 19:37

Biancomangiare ai pistacchi

Scritto da

Ed ecco a voi il biancomangiare, un altro dolce siciliano, li adoro, che ci posso fare….ll biancomangiare ha origini antiche, arrivò in Sicilia con i popoli mussulmani. In Sicilia la tradizione prevede l’uso del latte ricavato dalle mandorle. Successivamente il latte di mandorle, in alcuni casi, ha ceduto il posto al latte, che rende la preparazione sicuramente più veloce.

In molte versioni il biancomangiare viene servito sopra a delle foglie di limone, in maniera che possano sprigionare il loro profumo. Purtroppo io a Milano non ho le foglie di limone, ma ho arricchito la preparazione con i pistacchi.

Per una buona riuscita usate il latte fresco e non a quello lunga conservazione e dei pistacchi di buona qualità, possibilmente di Bronte.

Ingredienti:

  • Un litro di latte fresco, intero
  • 50 grammi di pistacchi non salati + 20 grammi per la decorazione
  • 75 grammi di amido di mais
  • 120 grammi di zucchero
  • Cannella (facoltativo)
  • La scorza di un limone, possibilmente biologico

Difficoltà: facile

Tempo di preparazione:15 minuti + 2 ore di raffreddamento

Mettete in una pentola, possibilmente con il fondo spesso, l’amido di mais e lo zucchero. Aggiungete il latte poco alla volta, per stemperate il composto senza avere grumi. Aggiungete la scorza del limone (l’ideale è di tagliarla con il pelapatate, in maniera di non utilizzare il bianco della buccia che è amara)

Scaldate il composto a fuoco basso. Mescolate continuamente fino a che il composto non si addenserà. Quando la crema avrà raggiunto il bollore continuate a mescolare ancora per un paio di minuti.

Spegnete il fuoco, togliete la scorza del limone  e aggiungete i 50 grammi di pistacchi che avrete tagliato al coltello. Versate il composto negli stampini e fate raffreddare a temperatura ambiente prima di trasferire il tutto in frigorifero per un paio di ore.

Potete servire il biancomangiare negli stampini o sformarlo su dei piattini, come ho fatto io. Prima di servire cospargete la superficie con la cannella, se vi piace, e con i pistacchi tenuti da parte per la decorazione.